Rapporto immobiliare 2024 Omi

Rapporto immobiliare 2024 Omi

23/05/2024

 

Rapporto immobiliare 2024 Omi, ecco la fotografia del mercato della casa

 

 

Una fotografia del mercato immobiliare italiano, in termini di compravendite, mutui ipotecari e locazioni. A farla, come ogni anno, è l'Osservatorio del mercato immobiliare (Omi) dell'Agenzia delle Entrate che ha pubblicato il Rapporto Immobiliare 2024, in collaborazione con l'Abi, l'Associazione bancaria italiana. Il report analizza i dati relativi al 2023.

 

Le compravendite immobiliari

Nel 2023 risulta pari a 709.591 il numero di abitazioni compravendute in Italia, con l'esclusione dei comuni nei quali vige il sistema tavolare, con una contrazione del 9,7% sul 2022. Si registra quindi un'inversione del trend di crescita dei volumi transati in atto dal 2014, interrotto solo dal forte calo del 2020 (-7,7%) indotto dalla crisi pandemica.

Rispetto al 2022 la diminuzione dei volumi di compravendita è più accentuata nelle aree del Centro, in calo del 13,1%, e nel Nord Est dove la contrazione si attesta intorno all'11,7% . Nei comuni capoluogo, nel complesso, il calo sul 2022 è più marcato, -10,7%, rispetto ai comuni non capoluogo dove è del 9,2%

I mutui ipotecari

Nel corso del 2023 sono stati registrati quasi 270 mila acquisti di abitazioni assistiti da mutuo ipotecario, quasi 100 mila in meno rispetto al 2022, -26% . Le compravendite assistite da mutuo ipotecario registrano quindi una netta inversione di tendenza rispetto ai livelli registrati nel 2022, che comunque erano in calo rispetto al livello del 2021, risentendo in questo biennio della fase di rialzo dei tassi di interesse .

Il capitale erogato

 Il capitale complessivo finanziato per l'acquisto di abitazioni ammonta, nel 2023, a circa 35 miliardi di euro, oltre 15 miliardi in meno rispetto al 2022, in diminuzione di circa il 30%. Nel 2023, il capitale medio finanziato con mutuo ipotecario è poco superiore a 130 mila euro, in diminuzione di 8.000 euro rispetto al 2022.

Tasso medio dei mutui erogati

Nel 2023, il tasso medio iniziale applicato alle erogazioni per acquisto di abitazioni aumenta, rispetto al 2022, di 1,79 punti percentuali portandosi così al 4,29%, confermando il ciclo di rialzo dopo il minimo storico raggiunto nel 2021, al termine di un lungo periodo di flessione partito nel 2012.

Le locazioni 

Nel 2023 il numero di nuovi contratti di locazione trasmessi telematicamente o presentati allo sportello per la registrazione è stato di poco superiore a 1,63 milioni, 0,3% in più rispetto allo scorso anno. Tali contratti hanno interessato quasi 2 milioni di immobili

 

Fonte: idealista.it

 

 

Torna all'elenco news

14/02/2023

Case green

Case green, il 75% degli immobili italiani lontano dalle classi energetiche Ue Il portale immobiliare Casa.it ha fotografato l'offerta dei...